Finalmente sicurezza con prospettiva

Reddito di base attivo per artisti e giornalisti freelance

Künzelsau, 30 settembre 2020 - Cosa sarebbe un paese senza i suoi poeti, pensatori, musicisti, pittori, attori, cantanti, ballerini, giornalisti, pubblicisti e cineasti? Portano colore, gioia, domande, sentimenti, ispirazioni e visioni nella nostra vita. Ora, però, i provvedimenti della Corona minacciano l'esistenza di innumerevoli lavoratori autonomi autonomi provenienti dai settori dell'arte, della cultura e della comunicazione. Gli aiuti pubblici d'emergenza sono del tutto inadeguati, il futuro è incerto. Le persone colpite chiedono disperatamente un paracadute di salvataggio con una prospettiva. Il "Reddito di base attivo" vuole soddisfare questo desiderio. Un tale "reddito di base in cambio" può non solo evitare che la crisi distrugga i mezzi di sussistenza, ma può anche offrire finalmente ad artisti, operatori culturali e produttori di media indipendenti una solida base a lungo termine per vivere e lavorare. Il "modello Gradido" dell'omonima accademia mira a fornire il terreno ideale per la creatività e la gioia della creazione e quindi a salvare dal declino una parte indispensabile della nostra società.

Secondo un recente sondaggio dell'Associazione dei giornalisti tedeschi (DJV), quest'anno circa il 50 per cento dei giornalisti freelance ha subito perdite talmente ingenti da non riuscire più a guadagnarsi da vivere. Un freelance su tre nella gilda di scrittura non riceve attualmente alcun contratto. Tra i fotogiornalisti, uno su due è senza reddito. La crisi attuale ha colpito ancora più duramente gli artisti e gli operatori culturali. La maggior parte dei creativi indipendenti è rimasta senza reddito per mesi. Il noto attore e doppiatore Frank Röth descrive con enfasi la situazione attuale: "Il blocco e i mesi di chiusura di teatri, palcoscenici e studi di doppiaggio, le riprese cancellate o rimandate a tempo indeterminato, l'annullamento di eventi e festival sono per noi una catastrofe e equivalgono a un divieto professionale".

Gli aiuti di Stato non sono efficaci per la grande maggioranza delle persone colpite. Tuttavia, pochissimi di coloro che operano nel settore culturale dispongono di riserve finanziarie. L'incertezza fa praticamente parte della vita quotidiana. Gli attori spesso cadono attraverso tutti i punti di sutura della previdenza sociale e del diritto del lavoro. Possono avere spese di gestione, ma non hanno un locale permanente, sono assunti "non salariati" o pagano i contributi dell'assicurazione contro la disoccupazione in modo così irregolare a causa dei loro impegni a breve termine che non possono quasi mai acquisire un diritto alle proprie prestazioni.

Anche prima di Corona, molti artisti erano passati da un impegno all'altro e avevano vissuto in "circostanze precarie". Tuttavia, la passione per il lavoro creativo è sempre stata più grande della ricerca della sicurezza finanziaria. Ma l'isolamento e le conseguenze che ne derivano stanno portando a problemi economici che solo pochi artisti possono sostenere da soli. Il padre di quattro figli, Röth (61 anni), ha già superato con successo molte fasi difficili della sua carriera. Ma ora un problema completamente nuovo minaccia: "Molti attori ora appartengono al 'gruppo a rischio' a causa della loro età. Di conseguenza, il loro impegno per le società di produzione è legato a ridicoli premi di assicurazione contro gli annullamenti. Di conseguenza, i ruoli per gli attori over 60 vengono semplicemente rimossi dalle sceneggiature o riscritti per i personaggi più giovani.

Il lavoro normale non è in vista nel settore dell'arte e della cultura, con le restrizioni inasprite in vista dell'inverno che si avvicina. Gli aiuti statali d'emergenza sono insufficienti, e il futuro è quindi estremamente incerto, secondo Röth: "Poiché il governo federale non ha ovviamente una strategia di uscita, non c'è alcuna prospettiva di quando e se sarà di nuovo possibile un ritorno a una vita quotidiana autodeterminata (professionale).

Il reddito di base attivo crea una base per vivere e lavorare
Tuttavia, se si pensa ai biologi economici della Gradido Academy, l'attuale crisi economica e finanziaria offre anche l'opportunità di correggere strutture che da tempo hanno bisogno di un riorientamento fondamentale. Le incerte condizioni esistenziali dei media e la nostra attività culturale sono sicuramente una di queste. Qui è necessario creare una base che renda possibile il lavoro creativo senza paura esistenziale. Un "reddito di base attivo" potrebbe non solo alleviare gli effetti fatali della crisi, ma anche offrire agli artisti, agli operatori culturali e ai media del nostro Paese una base più solida per vivere e lavorare e quindi fornire un terreno fertile per la creatività.

Da oltre 20 anni la Gradido Academy si occupa della questione di ciò che il business può imparare dalla natura. Il risultato di questa ampia ricerca può essere trovato nel nuovo modello economico e finanziario intorno alla moneta comune 'Gradido'. Il suo scopo è quello di fornire alle persone di tutto il mondo un sostentamento sicuro e di rendere il mondo della vita e del lavoro più vario e appagante. Secondo Bernd Hückstädt, co-fondatore dell'accademia, il 'Reddito di base attivo' è un elemento centrale del modello Gradido: "Ognuno può ottenere un 'Reddito di base attivo' con attività di propria scelta per il bene comune. Le competenze artistiche e creative sono qui indispensabili tanto quanto l'assunzione di compiti pratici e sociali. Ogni mese, 1.000 Gradido (GDD) è disponibile come reddito di base per ogni persona. Un Gradido corrisponde al valore di un euro. Un massimo di 50 ore al mese sono remunerate con 20 GDD ciascuno. Questa somma è un importo di base, oltre ad altre fonti di reddito. L'esistenza di ogni essere umano è così assicurata e l'arte e la cultura non sono più quasi automaticamente connesse con le preoccupazioni esistenziali.

L'attore Röth e i suoi colleghi hanno una nuova speranza per il modello Gradido: "In tempi come questi, un reddito di base di qualsiasi tipo sarebbe di grande aiuto e sostegno. Il modello Gradido è certamente uno degli approcci più radicali e utopici ad un nuovo sistema economico e finanziario, ma cosa ci serve più delle utopie oggi? Dovremmo discutere seriamente di questo nuovo modo, perché non solo potrebbe salvare l'arte, ma potrebbe anche rivelarsi adatto ai discepoli".

Per i dettagli sul "modello Gradido" completo vedi https://gradido.net

Frank Röth lavora come attore da oltre 30 anni. Ispira il pubblico e la critica non solo davanti alla macchina da presa (ad esempio, come padre di Josefine Preuß nella fortunata serie Lotta della ZDF), ma anche come uno dei doppiatori più impegnati in Germania (Ziemlich beste Freunde, Harry Potter e molti altri). Nel 2013 è stato premiato con l'Hörbuchpreis des Deutschen Buchhandels. (Crediti immagine: Christian Hartmann)

Informazioni sulla Accademia Gradido
L'Accademia Gradido per la bionica economica ha sviluppato una "moneta del bene comune" alternativa basata sui modelli della natura. La natura segue la regola che solo dove qualcosa passa può emergere qualcosa di nuovo, e quindi è possibile un miglioramento a lungo termine (evoluzione). La sua ricetta per il successo è il "ciclo della vita". Se anche la nostra economia seguisse questo ciclo naturale, allora, secondo la valutazione dei esperti di bionica economica, si potrebbero risolvere praticamente tutti i problemi monetari del mondo. Il modello Gradido si basa sull'idea che non solo ogni persona, ma anche ogni Stato riceve un reddito generato su base di attivi. In questo modo può svolgere tutti i suoi compiti senza dover riscuotere le tasse. La deflazione o l'inflazione appartengono al passato. L'economia è liberata dalla costante costrizione a crescere, il pericolo di un crollo del sistema finanziario è finalmente scongiurato.www.gradido.net)

Persona di contatto per i media:
Märzheuser Communication Consulting GmbH
Michael Märzheuser
Socio gestore
Maximilianstrasse 13
80539 Monaco di Baviera
Telefono: +49 89-203 006-480
E-mail: gradido@maerzheuser.com
Internet: www.maerzheuser.com